Nuove Mantis PS III l'evoluzione... 03 Settembre 2018 21:00


MANTIS 300 PS-III - 285 PS-III 

due pesi, due racchette, due personalità...

A prima vista le nuovissime MANTIS 100" della serie PS-III sono del tutto simili nelle forme se non fosse per il differente colore della livrea e per le differenti scritte potrebbero sembrare a prima vista due versioni cromatiche della medesima racchetta.

Ma vediamo in dettaglio quali sono gli elementi in comune e quali le differenze grazie all'analisi eseguita grazie all'ausilio del pro-t-one racquet-lab e pro- t-one swing-lab.

          

Mantis 300PS III

          

Mantis 285 PS III 

Molto simili nelle forme generali alla versione precedente, la MANTIS 100" 300g come pure la 285g si distinguono nettamente per nuove vesti grafiche molto aggressive ed estremamente accattivanti che riprendendo i colori delle serie precedenti li re-interpretano con una nuova "verve", introducendo il blu per la serie più leggera e distinguendo la piccola dalla sorella maggiore in modo marcato per la scelta del blu elettrico.

La qualità di costruzione e di assemblaggio è assolutamente notevole come il livello della verniciatura, la posa delle decals e la qualità generale dei telai.

Una delle differenze che è possibile apprezzare dalla finitura del telaio è il tipo di carbonio utilizzato per la finitura superficiale del frame.

Nel caso del telaio più pesante risulta evidente l'utilizzo di un tessuto "braided carbon 2K" mentre per la 285g il carbonio visibile è del tipo unidirezionale.

La scelta dell'utilizzo di un tessuto " carbon braided" per il modello più pesante è finalizzato in assoluto ad un migliore assorbimento delle vibrazioni, ad una maggiore pastosità di impatto come pure ad una progressività e pienezza di risposta tipiche di questa tipologia di materiale, mentre il ricorso ad un materiale più secco, nervoso e reattivo per la "piccolina" da 285g trova motivazione nel voler dare brio ad un telaio di base più leggero ed abbordabile che non deve però essere sottovalutato e che può essere considerato a ragione, una base eccellente per il custom.

 

MANTIS 100" 300g
MANTIS 100" 285g

Peso

328g (300g)

315g (285g)

Bilanciamento
327mm (320mm)
330mm (325mm)
Rigidezza rilevata

64 (65.5)

75 (76)

Rigidezza dinamica

63.5 - 140Hz

66RA - 145Hz

Profilo

22-24-22mm

24-26-23mm

Piatto corde

100"

100"

Pattern

16x19

16x19

Swingweight

324kgcmq

306kgcmq

Spinweight

340kgcmq

323kgcmq

Twistweight

16kgcmq

17kgcmq

dati rilevati a racchetta incordata e "pronto gara" con overgrip e dumpener - fra parentesi i dati rilevati a raccheta nuda

pro-t-one sweetspot analysis

MANTIS 100 300g-285g

analisi statica rigidezza del piatto MANTIS 300 - 2018

analisi statica rigidezza del piatto MANTIS 285 - 2018

Dall'analisi dei dati di rigidezza statica del piatto corde emerge per entrambi i modelli una RISPOSTA MOLTO AMPIA ED OMOGENEA lasciando presupporre una OTTIMA TOLLERANZA SUI COLPI DECENTRATI, buona stabilità e presa delle rotazioni.

Le differenze di resa fra i due modelli sono minime e mettono in evidenza una zona ottimale di impatto veramente molto ampia che consente la massima tolleranza in ogni condizione di gioco come pure una risposta in termini di potenza e presa delle rotazioni al massimo livello.

Con dati di questo tipo è possibile sottolineare la versatilità nella scelta delle corde e delle combinazioni che lascia aperte tutte le strade che spaziano verso l'utilizzo del multifilamento e delle combinazioni ibride, particolarmente consigliate per il modello più leggero, come pure ai poliesteri più o meno rigidi, in funzione al proprio livello di gioco per il modello da 300g.

La forma tondeggiante e molto regolare, la spaziatura delle corde e la foggia dei gromett aiuta a trovare un'ottima combinazione fra sensibilità, feeling, presa delle rotazioni e potenza in una combinazione molto equilibrata come da tradizione MANTIS.

pro-t-one flexpoint analysis

 

analisi statica flessionale MANTIS 300 - 2018

 

Le due racchette pur avendo la medesima forma si distinguono per sfumature ed attitudini generali anche dal punto di vista strutturale in fase di laminazione delle masse.

NON sono semplicemente lo stesso telaio con un appesantimento al manico, soluzione percorsa da numerose case produttrici, ma sono in effetti due differenti racchette con un comportamento flessionale che rispecchia la collocazione e la posizione degli strati di carbonio.

La MANTIS 300 PS-III risulta essere più rigida in testa e più flessibile alla base a differenza della MANTIS 285 PS-III che, al contrario, risulta essere più rigida nella parte bassa per poi concedere maggiore flessibilità nella parte alta dell'ovale.

La differenza di percezione è sottile ma apprezzabile e si traduce in due differenti feeling di gioco che in entrambi i casi garantiscono però ottima connessione con la palla.

analisi statica flessionale MANTIS 285 - 2018

 

La differente posizione delle stratificazioni di carbonio e della tipologia di materiale utilizzato è stata studiata ed ottimizzata per garantire il massimo in termini di resa e di feeling in funzione alle caratteristiche di peso dei due telai.

Non un singolo progetto, non un singolo telaio ma bensì due differenti progetti in funzione di due personalità con sfumature ed aspetti differenti.

in sintesi......

Due sorelle dunque, con caratteristiche differenti più di quanto il singolo dato del peso lascerebbe intendere.

La 300g già ottima agonistica può accompagnare il giocatore agonistico di qualsiasi livello ma strizzando l'occhio anche al semplice appassionato dato il livello di comfort e la piacevolezza di impatto veramente notevole.

La 285g è una racchetta ideale per l'appassionato, destinata ad un pubblico junior in fase di evoluzione come pure alle giocatrici agonistiche che cercano una racchetta performante e leggera.

Da non dimenticare per entrambe la possibilità di intervenire con una customizzazione più o meno pesante per chi ricerca un attrezzo su misura che privilegi al massimo la giocabilità, la presa delle rotazioni o piuttosto la cannoball da buco nel telone!

Come detto le MANTIS PS-III si sposano con varie soluzioni anche dal punto di vista dei possibili set-up delle corde, badando però sempre a materiale di livello ed alla massima qualità del servizio incordatura.